Leonardo Marcato, Le Radici del Dialogo. Filosofia e Teologia nel pensiero di Raimon Panikkar, Cirpit-Mimesis 2017

CopertinaCollana Triquetra-Cirpit. Edizioni Mimesis Milano.

La figura di Raimon Panikkar (Barcellona 1918 – Tavertet 2010) è stata da sempre oggetto di studio e di interesse. Profondo studioso di filosofia, teologia e cultura orientale, Rainom Panikkar ha spaziato la sua indagine intellettuale in ogni aspetto della vita e della cultura dell’umano. Col suo lavoro ed il suo insegnamento in università e centri di ricerca in tutto il mondo, egli ha sempre perseguito la spinta ad aprirsi a quello che ha chiamato più volte il “Ritmo dell’Essere”: l’interrelazione dinamica ed armonica tra ogni elemento del Reale. La sua è stata una filosofia radicata nella necessità di un dialogo interculturale ed interreligioso spiegato con acume rigoroso nei suoi oltre sessanta libri e centinaia di articoli. Questo volume, frutto di uno studio pluriennale sui testi e conclusosi con una ricerca filologica presso la biblioteca personale di Panikkar, si propone di analizzare con rigore accademico le radici della proposta di dialogo dialogale del filosofo e teologo indo-catalano a partire da quel particolare dialogo che egli ha voluto intessere tanto con i pensieri occidentali che ha studiato quanto con i suoi lettori. Filosofia, teologia e rapporto con il mondo contemporaneo sono quindi sia le direttive di uno studio scientifico ed accademico sull’autore sia i sentieri che possono guidare alla comprensione del modo con il quale questa proposta utopica di dialogo è in grado di concretizzarsi nelle criticità del contemporaneo.

Leonardo Marcato, traduttore e ricercatore, ha conseguito il dottorato di ricerca in Filosofia nel 2016 presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, ateneo presso il quale è ora Cultore della Materia in Filosofia Teoretica. Studioso del pensiero di Raimon Panikkar e di filosofia interculturale e delle religioni, si interessa anche del pensiero di Nishida Kitaro, del patrimonio digitale immateriale, di digital philosophy e di nuovo umanesimo. Per Mimesis Edizioni ha curato la collettanea Forme della Negazione. Un Percorso Interculturale tra Oriente ed Occidente (2015).